span

Red Bull crea l’escape room definitiva

Red Bull

Nel panorama del fenomeno delle escape room non poteva mancare lo zampino di Red Bull che crea quella che definisce: la più sfidante di sempre.

Le escape room, fenomeno in crescita costante, sono avventure da vivere in prima persona nel mondo reale: i giocatori vengono rinchiusi in una stanza e devono risolvere una serie di puzzle ed enigmi sfruttando tutti gli elementi al suo interno per riuscire ad uscirne. Red Bull ora porta la sfida a un nuovo livello.

Per accedere alla escape room più sfidante di sempre prende il via sul portale Red Bull Mind Gamers il contest di portata globale “Mission Unlock Enoch”, competitivo e cooperativo allo stesso tempo.

La partecipazione è gratuita ed è aperta a tutti gli appassionati di mind gaming e a chi desidera semplicemente mettere alla prova le proprie capacità logiche e deduttive.

Il percorso di qualificazione comincia online inizia in solitaria su questo sito,  affrontando giochi e rompicapo ideati da talentuosi autori provenienti da tutto il mondo per testare le abilità di logica, strategia, creatività, intelligenza visiva, musicale e memoria. I migliori giocatori potranno accedere agli eventi di qualificazione dal vivo e raggiungere infine l’escape room della finale mondiale.

Gli eventi locali si terranno in Italia a Torino (16 e 17 novembre, Piazzale Duca D’Aosta), Milano (21 e 22 novembre, Piazza Leonardo da Vinci) e Bologna (24 e 25 novembre, Piazza Scaravilli): chiunque si presenti sul posto potrà tentare di conquistare la qualificazione. I partecipanti, suddivisi in squadre di quattro giocatori, sfideranno gli altri team dal vivo. La prova consiste nel riuscire a sbloccare un misterioso cubo digitale.

Le squadre qualificate di ogni nazione si affronteranno nelle Escape Room World Finals, un grande evento che si terrà a Budapest nel febbraio del 2017. I primi quattro giocatori della classifica globale online otterranno una “wildcard” per accedere direttamente alla finale.

Mission Unlock Enoch è stata creata da Playful Solutions e si ispira a MindGamers, il film prodotto da Terra Mater e Game Jam presentato al MIT. L’escape room della finale verrà realizzata da Scott Nicholson, Professore Associato della School of Information Studies dell’Università di Syracuse, e direttore del game lab di Because Play Matters.

 

Red Bull crea l’escape room definitiva è stato pubblicato per la prima volta su Lega Nerd.

L’utilizzo dei testi contenuti su Lega Nerd è soggetto alla licenza Creative Commons Attribuzione-Non commerciale-Non opere derivate 2.5 Italia License.

Altri articoli dello stesso autore: NewsBot2

NewsBot2

Snapchat: come riavere il vecchio sistema di autoplay delle Storie

snapchat



Snapchat ci permette di creare una playlist delle Storie


Snapchat – Grazie all’ultimo aggiornamento, Snapchat ha modificato il modo in cui vediamo le Storie: basta autoplay con tutte le Storie, adesso sono arrivate le playlist. In precedenza venivano mostrate infila tutte le Storie più recenti del nostro Feed: ogni Storia veniva mandata avanti in autoplay, poi passava alla prossima e via così di continuo, dandoci la possibilità di saltare quelle che non volevamo vedere con un semplice gesto delle dita. Adesso, invece, dobbiamo selezionare in anticipo le Storie che vogliamo vedere in una sorta di playlist: la funzione è utile per chi vuole vedere Storie di determinati utenti, ma è fastidiosa per chi vorrebbe vedere tutte le Storie ancora non viste in una sola volta.

Ebbene, c’è ancora un modo per poter riprodurre automaticamente tutte le Storie non ancora viste su Snapchat. Basta cliccare i tre puntini in basso a destra nello schermo e automaticamente tutte le Storie non ancora viste verranno selezionate per voi.

Via | BusinessInsider

Foto | barnimages

Snapchat: come riavere il vecchio sistema di autoplay delle Storie é stato pubblicato su Downloadblog.it alle 18:00 di Monday 24 October 2016

Manuela Chimera

Rayman: Michel Ancel ritrova un prototipo per Super Nintendo

Attraverso le pagine del proprio profilo Instagram ufficiale, Michel Ancel annuncia di aver ritrovato la cartuccia (o meglio, la sola scheda EPROM al suo interno) del prototipo di Rayman per Super Nintendo, un progetto su cui il creatore di questa iconica serie targata Ubisoft ha cominciato a lavorare nel 1992 salvo poi decidere di abbandonarlo a causa delle limitazioni hardware della piattaforma (da qui il suo successivo approdo su PlayStation, Atari Jaguar, SEGA Saturn e PC).



Beyond Good & Evil 2 è in pre-produzione: nuovi artwork da Michel Ancel


Il papà di Rayman è lieto di informarci che il prototipo, sorprendentemente, è ancora funzionante in ogni suo aspetto e non mostra problematiche di sorta nonostante il precario stato di conservazione e i 24 anni trascorsi dalla sua programmazione: tra i dati contenuti all’interno dell’EPROM per SNES troviamo una breve demo giocabile, dei file esplicativi sull’interfaccia e sulle animazioni del protagonista e qualche pixel art digitale realizzata dallo stesso Michel.

Terminato questo tuffo nel passato, il buon Ancel promette di dedicarsi interamente al progetto di Beyond Good & Evil 2 nella speranza di poterlo pubblicare entro la fine del 2018 su PC, PlayStation 4, Xbox One e Nintendo Switch. Nel frattempo, gustiamoci le immagini del prototipo per SNES di Rayman.

via | Michel Ancel, pagina Instagram ufficiale

Rayman: Michel Ancel ritrova un prototipo per Super Nintendo é stato pubblicato su Gamesblog.it alle 15:57 di Monday 24 October 2016

Michele Galluzzi

L’isola della salvezza di Francesco Comello



L’isola della salvezza di Francesco Comello



L’isola della salvezza © Francesco Comello



L’isola della salvezza © Francesco Comello



L’isola della salvezza © Francesco Comello



L’isola della salvezza © Francesco Comello



L’isola della salvezza © Francesco Comello



L’isola della salvezza © Francesco Comello



L’isola della salvezza © Francesco Comello



L’isola della salvezza © Francesco Comello



L’isola della salvezza © Francesco Comello



L’isola della salvezza © Francesco Comello



L’isola della salvezza © Francesco Comello



L’isola della salvezza © Francesco Comello



L’isola della salvezza © Francesco Comello



L’isola della salvezza © Francesco Comello

“È vero, principe, che una volta avete detto che il mondo sarà salvato dalla bellezza?”

F. M. Dostoevski, L’Idiota

La celebre profezia “linguistica” che aspira all’armonia, la salvezza e la redenzione universale, la beatitudine che colma con niente, attraverso un ideale capace di conciliare antitesi come il bene il male, l’amore e il dolore del mondo, arriva sino a noi con il genio analitico, acuto, enigmatico e crudele di Dostoevskij, attraverso la storia del principe Miškin e la purezza dell’anima dell’Idiota che evoca quella evangelica del Cristo.

Una profezia salvifica destinata a fallire misurandosi con la realtà romanzata dal grande scrittore e filosofo russo, senza impedire alla fede degli uomini di fondare comunità immolate ai principi del vangelo e ad un prete ortodosso di dar vita al singolare centro spirituale, educativo e culturale che quasi passa inosservato lungo la strada trafficata che da Mosca porta a Yaroslav.

L’isola della salvezza” che si staglia fuori del tempo e dal mondo, vicina a Dio e la Patria, lontana da denaro e tecnologia, forgiando l’anima e allenando il corpo di centinaia di ragazzi che l’obiettivo di Francesco Comello ha scovato nelle ombre di icone antiche e divise senza tempo, nelle luci che irradiano speranza a volti assorti nello studio e corpi animati dal ballo, nei chiaroscuri di un esistenza semplice che prega, studia, gioca, lavora nei campi e riceve addestramento militare, coltivando armonia e speranza.

«La chiamano “L’isola della salvezza” gli abitanti di questa comunità nascosta e silenziosa. Quando ci passi vicino, sulla trafficata strada che da Mosca porta a Yaroslav, quasi non ti accorgi della sua esistenza, eppure è un centro spirituale, educativo e culturale unico in tutta la Russia. Fondata nei primi anni 90 da un prete ortodosso, doveva essere inizialmente una confraternita di una trentina di persone, riunite per vivere insieme secondo i principi del vangelo e dei santi padri. Con il tempo è diventata una comunità che oggi accoglie 300 ragazzi, molti dei quali disadattati o con problemi familiari. Niente Tv, internet, cellulari e niente denaro, considerati mali della società. Si zappa la terra, si studia, si balla. Si forgia l’anima e si allena il corpo. I valori supremi sono Dio e la patria. Un’utopia educativa fuori dal mondo ma immersa nella storia, dove l’impegno di tutti per un cambiamento individuale e una crescita armoniosa mantiene viva la speranza.» 

Difficile di questi tempi dire cosa ci può salvare da noi stessi e la natura umana, troppo umana, votata all’autodistruzione che ci spinge all’involuzione, ma forse le domande restano più fruttuose di eventuali risposte, a partire da quelle che si sollevano dalle ombre e le luci del reportage in bianco e nero di Francesco Comello, intenso e coinvolgente, già tra i quattro vincitori del World. Report Award 2016 indetto da Magnum e Lens Culture, esposti al Festival della Fotografia Etica di Lodi 2016 e on the road con il Travelling Festival.



Festival della Fotografia Etica 2016 e World.Report Award: Documenting Humanity


La visione dell’orizzonte utopico e crepuscolare della “Isle of Salvation” di Comello, dopo aver vinto a anche il “5° Premio AVIS Rosignano”, durante la decima e ultima tappa del “Portfolio Italia 2016 – Gran Premio Hasselblad“, ospitata a Castiglioncello durante la V edizione del Rosignano Foto Festival, animerà la mostra dei venti portfolio finalisti (due per ogni singola tappa), inaugurata al Centro Italiano della Fotografia d’Autore (CIFA) di Bibbiena il 26 novembre 2016, giorno nel quale sapremo anche se Comello sarà anche il Vincitore Portfolio Italia 2016

Nel frattempo consiglio un viaggio online, dal diario tumblr a quello facebook, alla scoperta dei luoghi che il fotografo di Udine (classe 1963), nel collettivo Synap(see) fino al 2013, ha immortalato dal Mo.S.E. lagunare alla Bolivia, passando per una Russia quasi più lontana nel tempo che geograficamente.

Per approfondimenti potete approfittare anche della recente intervista rilasciata dal fotografo durante l’“Parole di Luce” del 19 ottobre 2016, appuntamento Podcast con la fotografia alla radio, per parlare di immagini senza le immagini, a cura di Sandro Bini e Martin Rance, in collaborazione con Deaphoto.

Foto | L’isola della salvezza © Francesco Comello

Via | 6Glab – il team PR di FIAF

L’isola della salvezza di Francesco Comello é stato pubblicato su Clickblog.it alle 14:02 di Monday 24 October 2016

Cut-tv’s

L’isola della salvezza di Francesco Comello



L’isola della salvezza di Francesco Comello



L’isola della salvezza © Francesco Comello



L’isola della salvezza © Francesco Comello



L’isola della salvezza © Francesco Comello



L’isola della salvezza © Francesco Comello



L’isola della salvezza © Francesco Comello



L’isola della salvezza © Francesco Comello



L’isola della salvezza © Francesco Comello



L’isola della salvezza © Francesco Comello



L’isola della salvezza © Francesco Comello



L’isola della salvezza © Francesco Comello



L’isola della salvezza © Francesco Comello



L’isola della salvezza © Francesco Comello



L’isola della salvezza © Francesco Comello



L’isola della salvezza © Francesco Comello

“È vero, principe, che una volta avete detto che il mondo sarà salvato dalla bellezza?”

F. M. Dostoevski, L’Idiota

La celebre profezia “linguistica” che aspira all’armonia, la salvezza e la redenzione universale, la beatitudine che colma con niente, attraverso un ideale capace di conciliare antitesi come il bene il male, l’amore e il dolore del mondo, arriva sino a noi con il genio analitico, acuto, enigmatico e crudele di Dostoevskij, attraverso la storia del principe Miškin e la purezza dell’anima dell’Idiota che evoca quella evangelica del Cristo.

Una profezia salvifica destinata a fallire misurandosi con la realtà romanzata dal grande scrittore e filosofo russo, senza impedire alla fede degli uomini di fondare comunità immolate ai principi del vangelo e ad un prete ortodosso di dar vita al singolare centro spirituale, educativo e culturale che quasi passa inosservato lungo la strada trafficata che da Mosca porta a Yaroslav.

L’isola della salvezza” che si staglia fuori del tempo e dal mondo, vicina a Dio e la Patria, lontana da denaro e tecnologia, forgiando l’anima e allenando il corpo di centinaia di ragazzi che l’obiettivo di Francesco Comello ha scovato nelle ombre di icone antiche e divise senza tempo, nelle luci che irradiano speranza a volti assorti nello studio e corpi animati dal ballo, nei chiaroscuri di un esistenza semplice che prega, studia, gioca, lavora nei campi e riceve addestramento militare, coltivando armonia e speranza.

«La chiamano “L’isola della salvezza” gli abitanti di questa comunità nascosta e silenziosa. Quando ci passi vicino, sulla trafficata strada che da Mosca porta a Yaroslav, quasi non ti accorgi della sua esistenza, eppure è un centro spirituale, educativo e culturale unico in tutta la Russia. Fondata nei primi anni 90 da un prete ortodosso, doveva essere inizialmente una confraternita di una trentina di persone, riunite per vivere insieme secondo i principi del vangelo e dei santi padri. Con il tempo è diventata una comunità che oggi accoglie 300 ragazzi, molti dei quali disadattati o con problemi familiari. Niente Tv, internet, cellulari e niente denaro, considerati mali della società. Si zappa la terra, si studia, si balla. Si forgia l’anima e si allena il corpo. I valori supremi sono Dio e la patria. Un’utopia educativa fuori dal mondo ma immersa nella storia, dove l’impegno di tutti per un cambiamento individuale e una crescita armoniosa mantiene viva la speranza.» 

Difficile di questi tempi dire cosa ci può salvare da noi stessi e la natura umana, troppo umana, votata all’autodistruzione che ci spinge all’involuzione, ma forse le domande restano più fruttuose di eventuali risposte, a partire da quelle che si sollevano dalle ombre e le luci del reportage in bianco e nero di Francesco Comello, intenso e coinvolgente, già tra i quattro vincitori del World. Report Award 2016 indetto da Magnum e Lens Culture, esposti al Festival della Fotografia Etica di Lodi 2016 e on the road con il Travelling Festival.



Festival della Fotografia Etica 2016 e World.Report Award: Documenting Humanity


La visione dell’orizzonte utopico e crepuscolare della “Isle of Salvation” di Comello, dopo aver vinto a anche il “5° Premio AVIS Rosignano”, durante la decima e ultima tappa del “Portfolio Italia 2016 – Gran Premio Hasselblad“, ospitata a Castiglioncello durante la V edizione del Rosignano Foto Festival, animerà la mostra dei venti portfolio finalisti (due per ogni singola tappa), inaugurata al Centro Italiano della Fotografia d’Autore (CIFA) di Bibbiena il 26 novembre 2016, giorno nel quale sapremo anche se Comello sarà anche il Vincitore Portfolio Italia 2016

Nel frattempo consiglio un viaggio online, dal diario tumblr a quello facebook, alla scoperta dei luoghi che il fotografo di Udine (classe 1963), nel collettivo Synap(see) fino al 2013, ha immortalato dal Mo.S.E. lagunare alla Bolivia, passando per una Russia quasi più lontana nel tempo che geograficamente.

Per approfondimenti potete approfittare anche della recente intervista rilasciata dal fotografo durante l’“Parole di Luce” del 19 ottobre 2016, appuntamento Podcast con la fotografia alla radio, per parlare di immagini senza le immagini, a cura di Sandro Bini e Martin Rance, in collaborazione con Deaphoto.

Foto | L’isola della salvezza © Francesco Comello

Via | 6Glab – il team PR di FIAF

L’isola della salvezza di Francesco Comello é stato pubblicato su Clickblog.it alle 14:02 di Monday 24 October 2016

Cut-tv’s

Huawei Mate 9, nuove leaks su caratteristiche e prezzo

Huawei si appresta a presentare al pubblico la sua seconda ammiraglia per il 2016, il top di gamma per la categoria dei phablet, Huawei Mate 9, che dovrebbe fare il suo debutto tra pochi giorni. Nel frattempo, in attesa dell’evento di lancio, continuano a farsi strada attraverso la rete nuove informazioni e dettagli che anticipano le caratteristiche del nuovo smartphone Huawei.

In questo caso si parla del presunto manuale di istruzioni del Mate 9, documento che conferma la presenza di un modulo con doppio sensore fotografico come fotocamera principale sul retro dello smartphone, flash LED dual-tone, porta USB-C e slot microSD.

Anche il noto leakster Evan Blass, noto anche come @evleaks su Twitter, ha da aggiungere qualcosa riguardo la fotocamera del Mate 9. A quanto pare l’apparecchiatura fotografica del phablet, con componenti Leica, potrebbe comprendere anche uno zoom ottico 4x.

In aggiunta a ciò, secondo Blass, il Mate 9 potrebbe costare fino a 1300 dollari, ovviamente nel caso del modello più dispendioso. Si parla di una variante Huawei Mate 9 Pro, con display curvo Quad HD, 256GB di spazio di archiviazione e Android 7.1.

Snap (no pun intended): Mate 9/Pro feature 4x optical zoom. But pricing on a spec’ed out Pro is enough to give you a heart attack: $1300.

— Evan Blass (@evleaks) 23 ottobre 2016

Stando alle informazioni racimolate finora il futuro top di gamma di Huawei verrà equipaggiato con un display da 5,9 pollici (Full HD nel caso dei modelli meno costosi), system on chip Kirin 960, 4 o 6GB di RAM, 64/128/256GB di memoria interna, dual-cam posteriore da 20+12 megapixel con lenti Leica, fotocamera frontale da 8 megapixel, sensore per le impronte digitali e Android 7.0.

Ci si aspetta che l’azienda cinese presenti il nuovo phablet il 3 novembre.

Via | Phonearena

Huawei Mate 9, nuove leaks su caratteristiche e prezzo é stato pubblicato su Mobileblog.it alle 13:43 di Monday 24 October 2016

Carlo

Pinterest: 5 bacheche dedicate a costumi di Halloween da paura


Pinterest, Halloween

Si prosegue con la bacheca Pinterest di Halloween Costumes di Chicoulino, la trovate a questo indirizzo. Anche qui trovate idee spiritose per gruppi, bambini e famiglie, con soggetti classici e attuali. Bella la famigliola tutta vestita da Elsa di Frozen, incluso il papà.


Pinterest, Halloween

Partiamo con la bacheca Pinterest di Halloween Costumes di Aimelovesart, la trovate presso questo indirizzo. Qui trovate idee originali per costumi adatti a tutta la famiglia, anche ai bambini. Forse non tutti sono proprio così spaventosi, ma sono adatti anche ai gruppi.


Pinterest, Halloween

La bacheca Pinterest Halloween Costumes Cosplay di Gilg1347 unisce due mondi: Halloween e quello del cosplay. In realtà questi costumi possono essere utilizzati in entrambi i contesti. La trovate presso questo indirizzo.


Pinterest, Halloween

Con la bacheca Pinterest di Halloween MakeUp di Cameronmothersh entriamo nel mondo horror di Halloween: se andate a sbirciare questo link, troverete tantissime idee per un trucco spettacolare per Halloween. Ci si concentra soprattutto su trucco e capigliatura, ma non mancano anche foto di costumi e vestiti a tema.


Pinterest, Halloween

Anche la bacheca Pinterest di Halloween Horrors: Masks, Makeup & Costumes di GojiraSmash contiene tantissime idee per quanto riguarda il trucco e l’acconciatura per Halloween, alcuni sono delle vere e proprie opere d’arte, non sfigurerebbero al cinema. Trovate questa bacheca seguendo questo link.

Pinterest – La zucca l’abbiamo intagliata, abbiamo aggiunto le debite decorazioni alla casa, il menu della cena di Halloween lo abbiamo stabilito, ma cosa ci manca? Il costume, of course. Sia che partecipiamo a qualche festa o sagra di paese a tema Halloween, sia che lo trascorriamo a casa con una bella maratona di film horror, il costume di Halloween non può certo mancare. Ecco che allora siamo andati a scoprire 5 bacheche di Pinterest con costumi di Halloween da brivido.



Pinterest: i migliori costumi nella board Top Halloween Costumes


Foto | Screenshot dalle bacheche Pinterest

Pinterest: 5 bacheche dedicate a costumi di Halloween da paura é stato pubblicato su Downloadblog.it alle 13:00 di Monday 24 October 2016

Manuela Chimera

Kodak Ektra, lo smartphone per fotografi

Kodak è un marchio legato alla fotografia in modo indissolubile, il suo nome risuona sempre e negli anni sono stati avviati tanti progetti innovativi ed interessanti per continuare a far brillare questo nome. Kodak Ektra è l’ultima novità firmata Kodak, uno smartphone che strizza l’occhio alla fotografia e che vanta caratteristiche davvero degne di nota.

Lo smartphone Kodak Ektra riprende il design della vecchia Kodak Ektra lanciata sul mercato nel 1941, questo telefono è creato per i fotografi è presenta il pulsante di scatto a due fasi e persino la ghiera dei modi che appare a video. La fotocamera posteriore ha una risoluzione di 21 megapixel, l’ottica è equivalente ad un obiettivo 26.5 mm f/2.0, abbiamo lo stabilizzatore ottico OIS, flash dual LED e i video 4K. La fotocamera frontale è di ben 13 megapixel. È disponibile inoltre il controllo manuale della sensibilità ISO, il bilanciamento del bianco, l’esposizione, la messa a fuoco e l’otturatore. È una vera fotocamera a tutti gli effetti che, tra le altre cose, è anche uno smartphone!



La nuova action cam Kodak Pixpro 4KVR360 presentata al Photokina 2016


Caratteristiche di Kodak Ektra:

Smarpthone Andoid 6.0 Marshmallow

Schermo da 5” a risoluzione Full-HD

Processore Helio X20 Decacore

3 GB di RAM

32GB di memoria di massa (espandibile con Micro SD)

Batteria da 3000 mAh

Kodak Ektra sarà disponibile entro la fine del 2016 al prezzo di 449 sterline (circa 530 – 540 euro).

via | androidauthority

Kodak Ektra, lo smartphone per fotografi é stato pubblicato su Clickblog.it alle 12:03 di Monday 24 October 2016

Serena Vasta

‘Hello Again’: tutti i modi per seguire la Diretta Live dell’Evento Apple

live_apple_melablog_hello_again.jpg

Siete pronti per l’Evento Apple del 27 ottobre? Ecco tutti i prodotti attesi, e come seguire la Diretta Live del keynote.



Evento 'Hello Again': nuovi MacBook Pro e MacBook 13' ma niente iMac


I Prodotti Attesi



Hello Again, l'Evento Apple dedicato ai Mac del 27 ottobre


I rumors ne hanno parlato per mesi, e finalmente il momento è giunto. Il 27 ottobre, Apple lancerà interessanti novità hardware e non solo:

  • Nuovi MacBook Pro: da 13″ e 15″ più sottili, potenti e Barra Touch OLED con Touch ID chiamata Magic Toolbar.
  • Nuovi MacBook: da 13″ con USB-C che andranno a sostituire i MacBook Air.
  • Espansione Apple Pay: probabilmente in Germania, ma forse anche altri paesi del mondo (escluso il nostro).
  • Nuovi iMac: Apple sta lavorando a degli iMac aggiornati con scheda grafica discreta AMD, ma potrebbero non essere pronti per giovedì.
  • Nuovo Thunderbolt Display: con risoluzione 5K e GPU integrata che però, come l’iMac, pare non essere ancora pronto per il debutto pubblico.

Come seguire l’Evento

Apple renderà l’evento disponibile online; l’accesso sarà possibile con iPhone, iPad e iPod touch aggiornati a Safari su iOS 7.0 o versioni successive, su Mac con Safari 6.0.5 su OS X 10.8.5 o successive, o su PC con Microsoft Edge su Windows 10. Oppure via Apple TV di seconda, terza o quarta generazione con software 6.2 o successive.

Come sempre, noi di Melablog seguiremo l’evento col consueto Live. Appuntamento alle 19.00 ora italiana per la diretta, i post di approfondimento e per discutere assieme delle novità. Non mancate.

‘Hello Again’: tutti i modi per seguire la Diretta Live dell’Evento Apple é stato pubblicato su Melablog.it alle 12:00 di Monday 24 October 2016

Giacomo Martiradonna

Un Samsung Galaxy S7 Edge esplode mentre è in carica

Continua il calvario di Samsung, dopo la situazione finita con la chiusura della serie “Galaxy Note”, ecco un nuovo e piuttosto rilevante problema. Stando a quanto riportato da PhoneArena, nelle scorse ore un Samsung Galaxy S7 sarebbe esploso durante la ricarica. Un nuovo caso, l’ennesimo, dopo quello di Samsung Galaxy Note 7 che mette allerta l’azienda Coreana.

Il caso non è isolato, nelle scorse settimane sono stati “denunciati” altri quattro episodi che vedono il terminale di Samsung esplodere. La testimonianza del famoso sito si basa su una testimonianza di una persona che lavora per uno dei più grandi career telefonici degli Stati Uniti.



Samsung Galaxy S7 Edge Blu Corallo annunciato, il top gamma è bellissimo


 

Nello specifico, il sito riporta, che il telefono era in carica attaccato alla presa di corrente e caricava con il caricabatterie originale. Una situazione piuttosto paradossale se pensiamo che il povero malcapitato, qualche settimana prima aveva riportato al negozio la seconda versione del Samsung Galaxy Note 7, quella definita sicura dalla stessa azienda.

Una brutta piaga per Samsung che speriamo non debba trovarsi a gestire un altro caso Samsung Galaxy Note 7. Gli episodi, seppur in numero crescente, ancora non fanno gridare all’allarme e/o al pericolo anche se aspettiamo dichiarazioni ufficiali da parte di Samsung al riguardo.

Via | PhoneArena

 

Un Samsung Galaxy S7 Edge esplode mentre è in carica é stato pubblicato su Mobileblog.it alle 11:17 di Monday 24 October 2016

Marco Usai