uploads

Geek Ink: Check out These 5 Geektastic Tattoos!

tattoo1

I love tattoos, and I’ve been considering getting one for ages. The only thing I need is a little time, a great tattoo artist located in my region, and build up to courage to get one. In the meantime, I’ll have to resort myself at looking at great geek ink online. Check out these 5 really cool geek tattoos I stumbled on this morning! Above: an imperial probe droid, inked at Classic Tattoo.

tattoo2

I solemnly Swear That I Am Up To No Good – Revealed under a UV light.

tattoo3

Tattoo by Jeff Palumbo from La Boucherie Moderne in Brussels.

tattoo4

One of the coolest Batman sleeve I have ever seen.

tattoo5

A colorful Studio Ghibli sleeve!

The post Geek Ink: Check out These 5 Geektastic Tattoos! appeared first on Geeks are Sexy Technology News.

geeksAreSexyTechnologyNews?d=yIl2AUoC8zA geeksAreSexyTechnologyNews?d=7Q72WNTAKBA geeksAreSexyTechnologyNews?i=dTOV3_4NYEI geeksAreSexyTechnologyNews?i=dTOV3_4NYEI geeksAreSexyTechnologyNews?i=dTOV3_4NYEI geeksAreSexyTechnologyNews?d=qj6IDK7rITs geeksAreSexyTechnologyNews?i=dTOV3_4NYEI

Geeks are Sexy

A Meat Processing Professional Reviews Resident Evil: Retribution

residentevil-retribution

At last, we have come to this, the most recent available production in the Resident Evil franchise. Mr Paul W.S. Anderson returns to write and direct, and Ms. Milla Jovovich appears in the lead role, alongside many returning faces from times past. The 96-minute entertainment was seen in cinemas in 2012, and will hold its 39-month streak as last Resident Evil film until January 2017, when the final chapter appears.

I wish I could speak of this ending with the regret which is the appropriate accompaniment to all endings, but sadly, this is beyond me. Resident Evil: Retribution is sadly lacking in sparks of interest for either the meat processing professional or the keen amateur.

The story begins with the capture of Ms. Jovovich, and her clone’s memory-modified immersion in a simulated environment. One may note that the memory modification and implantation mastery shown by the Umbrella Corporation seem unlikely, given the complete failures of both their biological weapons and experimental design unit. Perhaps this is an instructive lesson for my readers; the corporation might have happily sold their services as a brainwashing facility, avoiding so much unpleasantness for both the participants and the unfortunate audience of these films.

skill

It is revealed that Ms. Jovovich is inside an underwater laboratory, if one can call any place that operates with such scant concern for basic biosafety a laboratory. Certainly, a large proportion of the Umbrella Corporation budget seems to have been spent on simulated weather, and rather less on introductory courses to controlled experiments.

The place is riddled with former allies, most of them hostile. There is even a return of our friend in Tokyo with the unsuitable footwear. And, of course, there is a full cast of disposable security guards and the like. This is a realistic depiction of life’s fragility, yet it is never satisfactorily explained what these people are doing here, or indeed, given that the plot hinges on a human population that is close to extinction, why characters driven by this fact are happy with such a large amount of collateral damage.

misguided

Given that so much of this production takes place in a simulated environment, one feels that there is a potential explanation for everything that happens–who knows what, exactly, the Umbrella Corporation was trying to achieve? The clones, the unlimited ammunition, the return of the inexplicably threatening large, unwieldy man with a custom tooled weapon; all perfectly rational, if you assume the Umbrella designers were as asinine as their counterparts in scientific ethics. It is somewhat freeing to see all of this without a reference to reality. It has been explained to me that a philosopher has suggested that something similar may be true of our own world–I cannot feel qualified to comment on this.

As we all know, such pleasures cannot last, and we soon return to what is laughably, in these productions, dubbed the “real world.” A fight in arctic conditions makes a mockery of thermodynamics, as climatic conditions that appear similar to those that would freeze exposed skin have no effect on characters wearing body suits and cocktail dresses. But this is the least of the indignities the truth is forced to endure. The greatest is probably the sight of a self-administered parasitic infection granting its host the ability to both propel and expel bullets through her body–even if we grant that, conceivably, an infection could do such a thing, there is surely no time for the relevant musculature and ligaments to develop within the young lady’s fingers.

implausible

We end at the seat of the federal government of the United States, which has apparently become something of a refuge for the surviving humans. Apparently, the final film will deal with some form of last stand, alongside a return (sad to say) of Ms. Jovovich’s magical powers. While such a recurrence is unpromising, it is pleasant to see that three women have survived to lead this stand, alongside two men. Females slightly outnumber males in the US, so this is a demographically pleasing mix, in that aspect, at least. Perhaps one might entertain the hope that a final production can, produce that accuracy in both depictions of meat consumption and the presentation of reality that has been, until now, so sorely missing. As this film finishes, one finds it impossible not to stare towards the future with equal dreams.

hope

***

Afterword: The meat processing professional previously had the great honor of writing for The Toast. They are nothing if not a completionist, so despite the sad loss of that publication, they are grateful for the chance to continue their Resident Evil reviews at The Mary Sue. Previous installments can be found here.

Want more stories like this? Become a subscriber and support the site!

Helen Craig lives in the UK, where she works in science engagement and wastes too much time online. She has a degree in the history of science and tweets @helenfcraig.

The Mary Sue has a strict comment policy that forbids, but is not limited to, personal insults toward anyone, hate speech, and trolling.—

Follow The Mary Sue on Twitter, Facebook, Tumblr, Pinterest, & Google+.

Helen Craig

PS4 Pro arriverà finon a 8,4 TFLOPS?

PlayStation 4 Pro

Sembrerebbero cambiare le prospettive in termini di potenza hardware per la nuova PlayStation, stando a quanto dice Mark Cerny.

Mark Cerny ha infatti dichiarato, nel corso di una intervista rilasciata ad eurogamer.net, che il sistema PlayStation 4 Pro vanterà una gestione doppia delle operazioni in virgola mobile, attuata con una computazione a 16 bit anziché a 32 bit, che potrebbe in teoria raddoppiare la potenza della console, portandola da 4,2 a 8,4 TFLOPS.

Questo dato si va ad aggiungere alla presenza di 1GB extra di RAM e permette di rivedere al rialzo le possibilità per il futuro della versione high-end dell’ammiraglia Sony, che di fatto già da questo holiday si porrebbe come rivale della futura Xbox Scorpio di Microsoft.

 

ps4pro

 

PS4 Pro arriverà finon a 8,4 TFLOPS? è stato pubblicato per la prima volta su Lega Nerd.

L’utilizzo dei testi contenuti su Lega Nerd è soggetto alla licenza Creative Commons Attribuzione-Non commerciale-Non opere derivate 2.5 Italia License.

Altri articoli dello stesso autore: NewsBot2

NewsBot2

Serie in streaming, gadget e veicoli autonomi: ecco chi sono i cinesi di LeEco

(Foto: LeEco)

Prepariamoci a sentire parlare sempre più spesso di LeEco, società cinese come nessun’altra, ma che come molte altre conterranee ha intrapreso recentemente il suo progetto di conquista dell’occidente. Con l’evento tenutosi la scorsa settimana a San Francisco, il gruppo ha annunciato l’arrivo negli Stati Uniti di una serie di prodotti impressionante non tanto per numero quanto per varietà. Telefoni, contenuti digitali, TV, un visore per la realtà virtuale, un set top box, una bici elettrica e perfino un concept per un’auto a guida autonoma sono stati al centro degli annunci dell’evento californiano durato più di due ore.

Nato in Cina dall’imprenditore Jia Yueting come semplice portale video nel 2004, sotto il nome LeTV il gruppo ha impiegato qualche anno a farsi conoscere, fino a quando il suo servizio di streaming ha iniziato finalmente a riscuotere successo. Definita dai media erroneamente “la Netflix cinese” (semmai è vero il contrario) ora la piattaforma offre 6mila film e 120mila puntate di serie TV tra le quali spiccano diverse produzioni proprie, ma è solo uno dei tasselli di ciò che è oggi LeEco.

LeEco content

Negli ultimi due anni infatti l’azienda ha potuto utilizzare i suoi contenuti come base per la vendita di prodotti di diverso tipo, come telefoni e TV: nel 2015 è arrivato il primo smartphone e nel 2016 il cambio di nome in LeEco ha reso chiaro definitivamente che le ambizioni del gruppo erano quelle di creare un ecosistema di prodotti coerente e unitario. Quest’estate la società ha acquisito per due miliardi di dollari il produttore di TV statunitense Vizio proprio per espandersi più agilmente negli USA e oltre.

 

(Foto: LeEco)

La crescita in patria è stata impetuosa, tanto che LeEco oggi si definisce un mix tra Apple, Amazon, Paramount Pictures, Tesla, Uber e Netflix. Immodestia a parte, effettivamente oggi la società progetta smartphone, vende online tramite il suo store LeMall, produce contenuti video propri, è entrato nel business dei veicoli elettrici e continua a crescere nel segmento dello streaming online. A differenza di molti dei soggetti chiamati in causa nel paragone però — e in modo più simile all’approccio adottato dai conterranei di Xiaomi — i suoi prodotti di massa sembrano più mirati a chi fa attenzione al portafogli.

(Foto: LeEco)

I gadget lanciati negli Stati Uniti ne sono una testimonianza: lo smartphone portabandiera del gruppo, Le Pro3, ha tutte le caratteristiche del telefono bomba dal prezzo conveniente: processore Qualcomm Snapdragon 821 (lo stesso a bordo del costoso Google Pixel), 4 GB di RAM, display Full HD da 5,5 pollici per 399 dollari di spesa. Il più conveniente Le S3 ha un processore meno potente ma 3 GB di RAM, stessa diagonale e risoluzione dello schermo, batteria da 3000 mAh con ricarica rapida, fotocamere da 16 e 8 megapixel e sensore di impronte digitali per una spesa di 249 dollari.

(Foto: LeEco)

LeTV Box U4 è un set top box ultra portatile pensato per competere con il ChromeCast Ultra di Google. Offerto al prezzo di 79 dollari supporta i flussi video in 4K, ma a differenza del gadget di Mountain View funziona in modo indipendente dallo smartphone. L’offerta che può vantare è ancora molto spostata a oriente, ma presto sarà arricchita da contenuti in lingua inglese provenienti da Showtime, Lionsgate, MGM, Sling, Vice, The Travel Channel, Awesomeness TV, Machinima, Mitú, Magnolia Pictures e altri.

(Foto: LeEco)

I nuovi TV presentati sono quattro e coprono tutte le fasce di prezzo: dall’economico (649 dollari) Super4 X43 Pro al bestiale uMax85 con diagonale da 85 pollici e prezzo di 4999 dollari, tutti supportano la riproduzione di contenuti in 4K e lo standard HDR, vantano altoparlanti Harman Kardon e montano processori quad core con GPU incorporata e almeno 3 GB di RAM. Il sistema operativo a bordo è Android TV e i contenuti sono e saranno gli stessi in arrivo sul set top box oltre a quelli presenti sulle app del Play Store.

(Foto: LeEco)

Non mancano però neanche i prodotti sperimentali. Explore VR è un visore per la realtà virtuale in plastica che ricorda molto quelli già lanciati da tempo da diversi avversari — Samsung Gear VR incluso — ma che è dotato di accelerometri e sensori interni per essere più preciso. Sarà compatibile con Le Pro 3 e arriverà sul mercato il 2 novembre. Il prezzo non è ancora stato annunciato, ma non è difficile immaginarlo minore di quello del rivale coreano.

LeEco Explore VR

La Super Bike è un altro gadget senza data di rilascio né prezzo negli Stati Uniti, ma ugualmente interessante: presentata come prototipo al CES del gennaio scorso, incorpora allarmi, sistema di tracciamento e sblocco con impronte digitali, un cambio a 30 marce, illuminazione incorporata e un display da 4 pollici di diagonale sul manubrio per la navigazione GPS, gli allenamenti, la comunicazione tra veicoli e la riproduzione musicale.

Sfoglia gallery4 immagini

LeEco Super Bike (Foto: LeEco)

LeEco Super Bike
LeEco Super Bike (Foto: LeEco)LeEco Super Bike
LeEco Super Bike (Foto: Maurizio Pesce / Wired)LeEco Super Bike
LeEco Super Bike (Foto: Maurizio Pesce / Wired)LeEco Super Bike
LeEco Super Bike (Foto: Maurizio Pesce / Wired)

Ultima e probabilmente più interessante è la scommessa che LeEco sta facendo nel campo dei veicoli elettrici. Che l’azienda fosse interessata a quest’ambito è chiaro da mesi, ovvero da quando è risultata tra gli investitori della startup californiana Faraday Future.

Sfoglia gallery9 immagini

Faraday Future FFZERO1 (foto: Maurizio Pesce / Wired)

Faraday Future FFZERO1
Faraday Future FFZERO1 (foto: Maurizio Pesce / Wired)Faraday Future FFZERO1
Faraday Future FFZERO1 (foto: Maurizio Pesce / Wired)Faraday Future FFZERO1
Faraday Future FFZERO1 (foto: Maurizio Pesce / Wired)Faraday Future FFZERO1
Faraday Future FFZERO1 Una pinna trasparente si allunga dall’abitacolo alla coda, per aumentare l’aerodinamicità (foto: Maurizio Pesce / Wired)Faraday Future FFZERO1
Faraday Future FFZERO1 (foto: Maurizio Pesce / Wired)Faraday Future FFZERO1
Faraday Future FFZERO1 (foto: Maurizio Pesce / Wired)Faraday Future FFZERO1
Faraday Future FFZERO1 Il prototipo <a href=”http://www.wired.it/gadget/motori/2016/01/05/ces-2016-faraday-future-presenta-ffzero1-concept-elettrico-1000-cavalli/”>FFZERO1</a> ha un motore da 1000 cavalli completamente elettrico ed è in grado di raggiungere i 100 km/h da ferma in meno di tre secondi (foto: Maurizio Pesce / Wired)Faraday Future FFZERO1
Faraday Future FFZERO1 (foto: Maurizio Pesce / Wired)Faraday Future FFZERO1
Faraday Future FFZERO1 (foto: Maurizio Pesce / Wired)

Nel corso dell’ultimo evento, però, è stata svelata anche una concept car di produzione interna, LeSee Pro: un’auto a guida autonoma con volante a scomparsa che includerà un sistema di intrattenimento basato ovviamente sui contenuti prodotti e distribuiti dalla società.

(Foto: The Verge)

Del prezzo e della data di arrivo sul mercato non si sa ancora nulla, ma sembra che il veicolo sia pensato per fare parte di un servizio di trasporto passeggeri in stile Uber, ma senza autisti.

The post Serie in streaming, gadget e veicoli autonomi: ecco chi sono i cinesi di LeEco appeared first on Wired.

Lorenzo Longhitano

Serie in streaming, gadget e veicoli autonomi: ecco chi sono i cinesi di LeEco

(Foto: LeEco)

Prepariamoci a sentire parlare sempre più spesso di LeEco, società cinese come nessun’altra, ma che come molte altre conterranee ha intrapreso recentemente il suo progetto di conquista dell’occidente. Con l’evento tenutosi la scorsa settimana a San Francisco, il gruppo ha annunciato l’arrivo negli Stati Uniti di una serie di prodotti impressionante non tanto per numero quanto per varietà. Telefoni, contenuti digitali, TV, un visore per la realtà virtuale, un set top box, una bici elettrica e perfino un concept per un’auto a guida autonoma sono stati al centro degli annunci dell’evento californiano durato più di due ore.

Nato in Cina dall’imprenditore Jia Yueting come semplice portale video nel 2004, sotto il nome LeTV il gruppo ha impiegato qualche anno a farsi conoscere, fino a quando il suo servizio di streaming ha iniziato finalmente a riscuotere successo. Definita dai media erroneamente “la Netflix cinese” (semmai è vero il contrario) ora la piattaforma offre 6mila film e 120mila puntate di serie TV tra le quali spiccano diverse produzioni proprie, ma è solo uno dei tasselli di ciò che è oggi LeEco.

LeEco content

Negli ultimi due anni infatti l’azienda ha potuto utilizzare i suoi contenuti come base per la vendita di prodotti di diverso tipo, come telefoni e TV: nel 2015 è arrivato il primo smartphone e nel 2016 il cambio di nome in LeEco ha reso chiaro definitivamente che le ambizioni del gruppo erano quelle di creare un ecosistema di prodotti coerente e unitario. Quest’estate la società ha acquisito per due miliardi di dollari il produttore di TV statunitense Vizio proprio per espandersi più agilmente negli USA e oltre.

 

(Foto: LeEco)

La crescita in patria è stata impetuosa, tanto che LeEco oggi si definisce un mix tra Apple, Amazon, Paramount Pictures, Tesla, Uber e Netflix. Immodestia a parte, effettivamente oggi la società progetta smartphone, vende online tramite il suo store LeMall, produce contenuti video propri, è entrato nel business dei veicoli elettrici e continua a crescere nel segmento dello streaming online. A differenza di molti dei soggetti chiamati in causa nel paragone però — e in modo più simile all’approccio adottato dai conterranei di Xiaomi — i suoi prodotti di massa sembrano più mirati a chi fa attenzione al portafogli.

(Foto: LeEco)

I gadget lanciati negli Stati Uniti ne sono una testimonianza: lo smartphone portabandiera del gruppo, Le Pro3, ha tutte le caratteristiche del telefono bomba dal prezzo conveniente: processore Qualcomm Snapdragon 821 (lo stesso a bordo del costoso Google Pixel), 4 GB di RAM, display Full HD da 5,5 pollici per 399 dollari di spesa. Il più conveniente Le S3 ha un processore meno potente ma 3 GB di RAM, stessa diagonale e risoluzione dello schermo, batteria da 3000 mAh con ricarica rapida, fotocamere da 16 e 8 megapixel e sensore di impronte digitali per una spesa di 249 dollari.

(Foto: LeEco)

LeTV Box U4 è un set top box ultra portatile pensato per competere con il ChromeCast Ultra di Google. Offerto al prezzo di 79 dollari supporta i flussi video in 4K, ma a differenza del gadget di Mountain View funziona in modo indipendente dallo smartphone. L’offerta che può vantare è ancora molto spostata a oriente, ma presto sarà arricchita da contenuti in lingua inglese provenienti da Showtime, Lionsgate, MGM, Sling, Vice, The Travel Channel, Awesomeness TV, Machinima, Mitú, Magnolia Pictures e altri.

(Foto: LeEco)

I nuovi TV presentati sono quattro e coprono tutte le fasce di prezzo: dall’economico (649 dollari) Super4 X43 Pro al bestiale uMax85 con diagonale da 85 pollici e prezzo di 4999 dollari, tutti supportano la riproduzione di contenuti in 4K e lo standard HDR, vantano altoparlanti Harman Kardon e montano processori quad core con GPU incorporata e almeno 3 GB di RAM. Il sistema operativo a bordo è Android TV e i contenuti sono e saranno gli stessi in arrivo sul set top box oltre a quelli presenti sulle app del Play Store.

(Foto: LeEco)

Non mancano però neanche i prodotti sperimentali. Explore VR è un visore per la realtà virtuale in plastica che ricorda molto quelli già lanciati da tempo da diversi avversari — Samsung Gear VR incluso — ma che è dotato di accelerometri e sensori interni per essere più preciso. Sarà compatibile con Le Pro 3 e arriverà sul mercato il 2 novembre. Il prezzo non è ancora stato annunciato, ma non è difficile immaginarlo minore di quello del rivale coreano.

LeEco Explore VR

La Super Bike è un altro gadget senza data di rilascio né prezzo negli Stati Uniti, ma ugualmente interessante: presentata come prototipo al CES del gennaio scorso, incorpora allarmi, sistema di tracciamento e sblocco con impronte digitali, un cambio a 30 marce, illuminazione incorporata e un display da 4 pollici di diagonale sul manubrio per la navigazione GPS, gli allenamenti, la comunicazione tra veicoli e la riproduzione musicale.

Sfoglia gallery4 immagini

LeEco Super Bike (Foto: LeEco)

LeEco Super Bike
LeEco Super Bike (Foto: LeEco)LeEco Super Bike
LeEco Super Bike (Foto: Maurizio Pesce / Wired)LeEco Super Bike
LeEco Super Bike (Foto: Maurizio Pesce / Wired)LeEco Super Bike
LeEco Super Bike (Foto: Maurizio Pesce / Wired)

Ultima e probabilmente più interessante è la scommessa che LeEco sta facendo nel campo dei veicoli elettrici. Che l’azienda fosse interessata a quest’ambito è chiaro da mesi, ovvero da quando è risultata tra gli investitori della startup californiana Faraday Future.

Sfoglia gallery9 immagini

Faraday Future FFZERO1 (foto: Maurizio Pesce / Wired)

Faraday Future FFZERO1
Faraday Future FFZERO1 (foto: Maurizio Pesce / Wired)Faraday Future FFZERO1
Faraday Future FFZERO1 (foto: Maurizio Pesce / Wired)Faraday Future FFZERO1
Faraday Future FFZERO1 (foto: Maurizio Pesce / Wired)Faraday Future FFZERO1
Faraday Future FFZERO1 Una pinna trasparente si allunga dall’abitacolo alla coda, per aumentare l’aerodinamicità (foto: Maurizio Pesce / Wired)Faraday Future FFZERO1
Faraday Future FFZERO1 (foto: Maurizio Pesce / Wired)Faraday Future FFZERO1
Faraday Future FFZERO1 (foto: Maurizio Pesce / Wired)Faraday Future FFZERO1
Faraday Future FFZERO1 Il prototipo <a href=”http://www.wired.it/gadget/motori/2016/01/05/ces-2016-faraday-future-presenta-ffzero1-concept-elettrico-1000-cavalli/”>FFZERO1</a> ha un motore da 1000 cavalli completamente elettrico ed è in grado di raggiungere i 100 km/h da ferma in meno di tre secondi (foto: Maurizio Pesce / Wired)Faraday Future FFZERO1
Faraday Future FFZERO1 (foto: Maurizio Pesce / Wired)Faraday Future FFZERO1
Faraday Future FFZERO1 (foto: Maurizio Pesce / Wired)

Nel corso dell’ultimo evento, però, è stata svelata anche una concept car di produzione interna, LeSee Pro: un’auto a guida autonoma con volante a scomparsa che includerà un sistema di intrattenimento basato ovviamente sui contenuti prodotti e distribuiti dalla società.

(Foto: The Verge)

Del prezzo e della data di arrivo sul mercato non si sa ancora nulla, ma sembra che il veicolo sia pensato per fare parte di un servizio di trasporto passeggeri in stile Uber, ma senza autisti.

The post Serie in streaming, gadget e veicoli autonomi: ecco chi sono i cinesi di LeEco appeared first on Wired.

Lorenzo Longhitano

Serie in streaming, gadget e veicoli autonomi: ecco chi sono i cinesi di LeEco

(Foto: LeEco)

Prepariamoci a sentire parlare sempre più spesso di LeEco, società cinese come nessun’altra, ma che come molte altre conterranee ha intrapreso recentemente il suo progetto di conquista dell’occidente. Con l’evento tenutosi la scorsa settimana a San Francisco, il gruppo ha annunciato l’arrivo negli Stati Uniti di una serie di prodotti impressionante non tanto per numero quanto per varietà. Telefoni, contenuti digitali, TV, un visore per la realtà virtuale, un set top box, una bici elettrica e perfino un concept per un’auto a guida autonoma sono stati al centro degli annunci dell’evento californiano durato più di due ore.

Nato in Cina dall’imprenditore Jia Yueting come semplice portale video nel 2004, sotto il nome LeTV il gruppo ha impiegato qualche anno a farsi conoscere, fino a quando il suo servizio di streaming ha iniziato finalmente a riscuotere successo. Definita dai media erroneamente “la Netflix cinese” (semmai è vero il contrario) ora la piattaforma offre 6mila film e 120mila puntate di serie TV tra le quali spiccano diverse produzioni proprie, ma è solo uno dei tasselli di ciò che è oggi LeEco.

LeEco content

Negli ultimi due anni infatti l’azienda ha potuto utilizzare i suoi contenuti come base per la vendita di prodotti di diverso tipo, come telefoni e TV: nel 2015 è arrivato il primo smartphone e nel 2016 il cambio di nome in LeEco ha reso chiaro definitivamente che le ambizioni del gruppo erano quelle di creare un ecosistema di prodotti coerente e unitario. Quest’estate la società ha acquisito per due miliardi di dollari il produttore di TV statunitense Vizio proprio per espandersi più agilmente negli USA e oltre.

 

(Foto: LeEco)

La crescita in patria è stata impetuosa, tanto che LeEco oggi si definisce un mix tra Apple, Amazon, Paramount Pictures, Tesla, Uber e Netflix. Immodestia a parte, effettivamente oggi la società progetta smartphone, vende online tramite il suo store LeMall, produce contenuti video propri, è entrato nel business dei veicoli elettrici e continua a crescere nel segmento dello streaming online. A differenza di molti dei soggetti chiamati in causa nel paragone però — e in modo più simile all’approccio adottato dai conterranei di Xiaomi — i suoi prodotti di massa sembrano più mirati a chi fa attenzione al portafogli.

(Foto: LeEco)

I gadget lanciati negli Stati Uniti ne sono una testimonianza: lo smartphone portabandiera del gruppo, Le Pro3, ha tutte le caratteristiche del telefono bomba dal prezzo conveniente: processore Qualcomm Snapdragon 821 (lo stesso a bordo del costoso Google Pixel), 4 GB di RAM, display Full HD da 5,5 pollici per 399 dollari di spesa. Il più conveniente Le S3 ha un processore meno potente ma 3 GB di RAM, stessa diagonale e risoluzione dello schermo, batteria da 3000 mAh con ricarica rapida, fotocamere da 16 e 8 megapixel e sensore di impronte digitali per una spesa di 249 dollari.

(Foto: LeEco)

LeTV Box U4 è un set top box ultra portatile pensato per competere con il ChromeCast Ultra di Google. Offerto al prezzo di 79 dollari supporta i flussi video in 4K, ma a differenza del gadget di Mountain View funziona in modo indipendente dallo smartphone. L’offerta che può vantare è ancora molto spostata a oriente, ma presto sarà arricchita da contenuti in lingua inglese provenienti da Showtime, Lionsgate, MGM, Sling, Vice, The Travel Channel, Awesomeness TV, Machinima, Mitú, Magnolia Pictures e altri.

(Foto: LeEco)

I nuovi TV presentati sono quattro e coprono tutte le fasce di prezzo: dall’economico (649 dollari) Super4 X43 Pro al bestiale uMax85 con diagonale da 85 pollici e prezzo di 4999 dollari, tutti supportano la riproduzione di contenuti in 4K e lo standard HDR, vantano altoparlanti Harman Kardon e montano processori quad core con GPU incorporata e almeno 3 GB di RAM. Il sistema operativo a bordo è Android TV e i contenuti sono e saranno gli stessi in arrivo sul set top box oltre a quelli presenti sulle app del Play Store.

(Foto: LeEco)

Non mancano però neanche i prodotti sperimentali. Explore VR è un visore per la realtà virtuale in plastica che ricorda molto quelli già lanciati da tempo da diversi avversari — Samsung Gear VR incluso — ma che è dotato di accelerometri e sensori interni per essere più preciso. Sarà compatibile con Le Pro 3 e arriverà sul mercato il 2 novembre. Il prezzo non è ancora stato annunciato, ma non è difficile immaginarlo minore di quello del rivale coreano.

LeEco Explore VR

La Super Bike è un altro gadget senza data di rilascio né prezzo negli Stati Uniti, ma ugualmente interessante: presentata come prototipo al CES del gennaio scorso, incorpora allarmi, sistema di tracciamento e sblocco con impronte digitali, un cambio a 30 marce, illuminazione incorporata e un display da 4 pollici di diagonale sul manubrio per la navigazione GPS, gli allenamenti, la comunicazione tra veicoli e la riproduzione musicale.

Sfoglia gallery4 immagini

LeEco Super Bike (Foto: LeEco)

LeEco Super Bike
LeEco Super Bike (Foto: LeEco)LeEco Super Bike
LeEco Super Bike (Foto: Maurizio Pesce / Wired)LeEco Super Bike
LeEco Super Bike (Foto: Maurizio Pesce / Wired)LeEco Super Bike
LeEco Super Bike (Foto: Maurizio Pesce / Wired)

Ultima e probabilmente più interessante è la scommessa che LeEco sta facendo nel campo dei veicoli elettrici. Che l’azienda fosse interessata a quest’ambito è chiaro da mesi, ovvero da quando è risultata tra gli investitori della startup californiana Faraday Future.

Sfoglia gallery9 immagini

Faraday Future FFZERO1 (foto: Maurizio Pesce / Wired)

Faraday Future FFZERO1
Faraday Future FFZERO1 (foto: Maurizio Pesce / Wired)Faraday Future FFZERO1
Faraday Future FFZERO1 (foto: Maurizio Pesce / Wired)Faraday Future FFZERO1
Faraday Future FFZERO1 (foto: Maurizio Pesce / Wired)Faraday Future FFZERO1
Faraday Future FFZERO1 Una pinna trasparente si allunga dall’abitacolo alla coda, per aumentare l’aerodinamicità (foto: Maurizio Pesce / Wired)Faraday Future FFZERO1
Faraday Future FFZERO1 (foto: Maurizio Pesce / Wired)Faraday Future FFZERO1
Faraday Future FFZERO1 (foto: Maurizio Pesce / Wired)Faraday Future FFZERO1
Faraday Future FFZERO1 Il prototipo <a href=”http://www.wired.it/gadget/motori/2016/01/05/ces-2016-faraday-future-presenta-ffzero1-concept-elettrico-1000-cavalli/”>FFZERO1</a> ha un motore da 1000 cavalli completamente elettrico ed è in grado di raggiungere i 100 km/h da ferma in meno di tre secondi (foto: Maurizio Pesce / Wired)Faraday Future FFZERO1
Faraday Future FFZERO1 (foto: Maurizio Pesce / Wired)Faraday Future FFZERO1
Faraday Future FFZERO1 (foto: Maurizio Pesce / Wired)

Nel corso dell’ultimo evento, però, è stata svelata anche una concept car di produzione interna, LeSee Pro: un’auto a guida autonoma con volante a scomparsa che includerà un sistema di intrattenimento basato ovviamente sui contenuti prodotti e distribuiti dalla società.

(Foto: The Verge)

Del prezzo e della data di arrivo sul mercato non si sa ancora nulla, ma sembra che il veicolo sia pensato per fare parte di un servizio di trasporto passeggeri in stile Uber, ma senza autisti.

The post Serie in streaming, gadget e veicoli autonomi: ecco chi sono i cinesi di LeEco appeared first on Wired.

Lorenzo Longhitano